• Farmed

NON SONO EQUIVALENTI SONO IDENTICI

Aggiornamento: 6 apr

L’IMPORTAZIONE PARALLELA

La FARMED S.r.l. è un’azienda innovativa e in forte crescita, fondata nel 2006, che opera nel settore dell’importazione parallela di farmaci, dispositivi medici e cosmetici da tutta Europa, curando l’intera filiera: dall’individuazione dei fornitori, alla commercializzazione e promozione dei prodotti finiti.


Ma cosa si intende per importazione parallela? Secondo la Commissione Europea altro non è che l’importazione di un medicinale da uno Stato membro ad un altro, commercializzandolo parallelamente alla rete distributiva istituita dal produttore/concessionario autorizzato.







Questa pratica commerciale, basata sulla libera circolazione delle merci, comporta un duplice beneficio: da un lato verso il cliente finale che potrà in questo modo acquistare gli stessi prodotti brand a prezzi inferiori; dall’altro al Servizio Sanitario Nazionale grazie ad un “payback” per i prodotti rimborsabili.


FARMED acquista i farmaci solo da grossisti autorizzati all’interno dello Spazio Economico Europeo (SEE), figurandosi così come sinonimo di qualità, sicurezza ed affidabilità per i propri clienti. FARMED, infatti, richiede elevati standard qualitativi per il riconfezionamento dei prodotti importati, utilizzando astucci, etichette e bugiardini realizzati da aziende leader nel settore della cartotecnica farmaceutica. Nel corso

degli anni, ha instaurato una solida e duratura collaborazione con le più efficienti officine di riconfezionamento autorizzate dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), la stessa autorità che rilascia all’azienda una licenza (AIP – Autorizzazione all’Importazione Parallela) per ogni farmaco da importare, dopo aver verificato la corrispondenza del prodotto di marca estero con l’analogo prodotto di marca italiano.


A riprova del fatto che si sta procedendo ad importare

lo stesso prodotto di marca già presente sul mercato italiano,

i distributori paralleli hanno l’obbligo, una volta ricevuta l’AIP

da AIFA, di informare il Titolare del marchio della loro

intenzione ad importare il medicinale,

fornendo non solo informazioni sul Paese

di origine ma anche un campione di come

il farmaco sarà immesso in commercio

(previo riconfezionamento)

sul mercato italiano.






Le statistiche sullo sviluppo dell’importazione parallela in Europa mostrano una grossa divergenza tra l’incidenza della spesa farmaceutica nazionale italiana rispetto alla media

europea. In Europa, infatti, la vendita di farmaci importati rappresenta in media circa il 7% della spesa nazionale, mentre in Italia meno del 1% del mercato, a dimostrazione del fatto che si tratta di un settore in cui sono presenti ancora grandi opportunità da fruttare.

Anche se in Italia questo settore è in forte crescita, il nostra Paese è comunque in ritardo rispetto ad altre realtà europee dove le autorità locali hanno appoggiato il mercato

dell’importazione parallela, portandolo al successo.

Questo aspetto è fondamentale in quanto ci si ritrova di fronte ad uno scenario in cui, nonostante la libera circolazione delle merci abbia legittimato l’importazione parallela

di farmaci in Europa, la regolamentazione in ciascun Paese è sostanzialmente diversa: da una parte, ci sono nazioni come la Germania che hanno l’obbligo di vendere in farmacia una determinata percentuale di farmaci importati (circa il 9%); dall’altra,

vi sono Paesi come l’Italia che da poco si sono affacciati su questo nuovo mercato

e che richiedono un supporto dalle proprie Amministrazioni per incrementare

quest’attività che porta benefici a tutti i soggetti della filiera.


Per poter eccellere in un settore in forte sviluppo come quello dell’importazione parallela occorre sviluppare sinergie e nuovi punti di forza. La FARMED S.r.l., grazie al supporto del Gruppo Farvima Medicinali S.p.A., riesce ad essere presente su tutto il territorio nazionale e a far arrivare i propri prodotti in oltre 5.000 farmacie italiane, garantendo elevati standard qualitativi e consegne celeri (in 24 ore dall’ordine), mettendo a disposizione del farmacista un Servizio Clienti dedicato.


Avere un partner come FARMED permette ai farmacisti non solo di ricevere offerte periodiche, solitamente bimestrali, ma anche di acquistare singoli pezzi a video con un listino sempre più vasto al quale si aggiungono - oltre ai medicinali per uso umano, cosmetici e dispositivi medici - veterinari e integratori alimentari.


Non bisogna sottovalutare la costante presenza dell’azienda alle fiere di settore nazionali (Cosmofarma a Bologna, Capri Pharma a Capri, Pharmaexpo a Napoli)

e internazionali (ExpoPharm in Germania, Pharmagora Plus in Francia): FARMED

scommette tutto sulle relazioni umane e si impegna ad incontrare costantemente

fornitori e clienti per costruire giorno dopo giorno rapporti duraturi.


In conclusione, possiamo sicuramente affermare che FARMED ha sviluppato

caratteristiche che la rendono nettamente differente da tutti gli altri

attori nel mercato dell’importazione parallela, e ha puntato tutto sulla qualità e convenienza dei prodotti offerti;

infatti, come recita lo slogan aziendale:

“Se non trovi differenze è perché non ce ne sono”.


Fabio Sabbatino

(Purchasing & Business Development Manager)




16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti